Feeds:
Articoli
Commenti

Per il quattordicesimo anno consecutivo, la Loggia “Guerrazzi” di Follonica ha organizzato il concorso riservato agli studenti degli ultimi anni di corso degli Istituti d’Istruzione Superiori di Follonica, di Massa Marittima, del Polo Liceale e del Liceo Artistico di Grosseto. Il concorso 2012, dal titolo “MUSICA E’…” ha suscitato entusiasmo fra i docenti e gli studenti interessati, trattandosi di un argomento molto sentito dai giovani. Si è infatti registrata una numerosa e qualificata partecipazione, sia nella sezione narrativa sia in quella grafica, per un totale di circa 70 studenti. La premiazione degli elaborati vincenti avverrà domenica 20 maggio, nell’Aula Magna dell’Istituto Tecnico Commerciale di Follonica, con inizio alle 10. Alla cerimonia, aperta al pubblico, parteciperanno i dirigenti, i docenti e gli studenti degli Istituti interessati, con i loro parenti, alla presenza delle massime autorità cittadine. A rappresentare il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Gustavo Raffi, ci sarà Massimo Bianchi, Gran Maestro Aggiunto. Partecipano all’evento anche Mauro Lastraioli, Gran Maestro Onorario e Stefano Bisi, presidente del Collegio della Toscana.

Annunci

Un breve compendio su alcuni aspetti fondamentali della «Tradizione Perenne» esposti dallo Shaykh ‘Abd al-Wâhid Yahyâ, al secolo René Guénon, la cui funzione e opera giungono, alla fine della presente e finale età oscura, per indicare, a chi ne avesse le necessarie qualificazioni, la possibilità di attualizzare la completezza della spiritualità tradizionale che l’occidente ha da secoli cancellato e alla fine sovvertito, tanto che alcuni intelletti sani hanno definito l’attuale civiltà occidentale come una vera e propria mostruosità.

Deputati, senatori, sindaci e amministratori locali, imprenditori e banchieri. E ancora militari, docenti universitari, artisti, artigiani e professionisti. Nomi e cognomi dei massoni fiorentini dal 1861 al 1921 sono rivelati nel libro matricola (quasi mille affiliati) della Loggia Concordia, la più antica d’Italia, una delle poche di cui è conservato il registro degli affiliati. L’elenco, finora mai reso noto, è stato integralmente trascritto e pubblicato nel nuovo volume ”Firenze massonica” (Polistampa, pp. 344), in cui lo storico Fulvio Conti, docente all’Università di Firenze, illustra il passato della Loggia fondata nel 1861 e ne delinea il ruolo svolto nella Firenze postunitaria. Il libro, ricco di curiosità e corredato da un ampio apparato critico, coniuga bene il rigore scientifico al taglio divulgativo. Tra le personalità di spicco figurano Silvio Berti, il primo sindaco della città di estrazione non aristocratica, Frederick Stibbert, il grande collezionista inglese che donò la propria casa museo alla città, Pasquale Villari, lo storico e politico che visse a Firenze in esilio. La pubblicazione del libro matricola della loggia contenente i nomi, per la prima volta in edizione integrale, rappresenta una fonte di eccezionale valore storico, pressoché unica nel suo genere in Italia. Ne esce uno spaccato di grande interesse nonchè un’inedita chiave di lettura della vita cittadina. Un libro che getta nuova luce sulla Firenze liberale e della Belle Epoque, rivelando i trascorsi massonici, spesso sconosciuti, di numerosi protagonisti della società civile e del mondo politico. La prefazione del libro è del Gran Maestro del Grande Oriente, Gustavo Raffi.

Organizzata dall’Oriente di Siena, la tradizionale tornata rituale in grado di Apprendista, quest’anno si svolgerà il 22 giugno nell’incantevole scenario dell’ex abbazia di S.Galgano, nel comune di Chiusdino. Si tratta di un appuntamento che, assieme alla festa della Luce, scandisce i due solstizi celebrati da diversi anni dalla Comunità massonica toscana. San Galgano è un luogo estremamente suggestivo in cui lo spazio interno è suddiviso in tre navate da sedici pilastri cruciformi composti da quattro semicolonne. Le arcate sono a sesto acuto con doppio archivolto. Il transetto è a tre navate, ma la navata orientale appare trasformata in quattro cappelle, due a due laterali alla cappella maggiore, con abside rettangolare. Sulla destra della chiesa si trova il Monastero, di cui rimangono la Sala capitolare, la Sala dei monaci e un piccolo tratto del chiostro ad arcate su colonnine binate.

Il Consiglio dei Maestri Venerabili di Trapani e Paceco e la Loggia “Rinnovamento” n° 348 di Trapani organizzano per domenica 15 aprile, alle 10, la presentazione del libro di Antonio Gualano “La presenza massonica nel territorio di Trapani”. L’evento si terrà presso l’Hotel Baglio Santacroce di Valderice e prevede la partecipazione del Presidente del Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Sicilia, Giuseppe Trumbatore, e del Maestro Venerabile della Loggia “Rinnovamento”, Enrico La Grutta. Alla presentazione del libro, a cura dello storico trapanese Salvatore Costanza, seguirà un dibattito e incontro con l’autore dell’opera, Antonio Gualano, moderato dal Gran Maestro Onorario, Luigi Manzo. A tracciare le conclusioni, il Gran Bibliotecario del Grande Oriente d’Italia, Bernardino Fioravanti.

Continua l’impegno della Giunta toscana nell’approfondimento di alcune figure della Loggia. Il Seminario proposto è sul ruolo e sulla funzione del Maestro Venerabile,e si svolgerà sabato 14 aprile a Montecatini presso il Grand Hotel Vittoria con inizio alle 16.Condurranno il seminario nel ruolo di relatori: Luigi Sessa, Gran Maestro Onorario del G.O.I., Claudio Bonvecchio, Gran Consigliere alla cultura, Stefano Bisi, Presidente Collegio Circoscrizionale della Toscana, Moreno Milighetti, vice presidente Collegio Circoscrizionale della Toscana. Il seminario vedrà la partecipazione del Gran Maestro Gustavo Raffi. Si precisa che la partecipazione è riservata esclusivamente al grado di maestro e che è obbligatoria l’iscrizione presso la segreteria del Collegio

Si terrà sabato 14 aprile, nell’aula Magna dell’Ateneo Veneto Campo San Fantin 1897, con inizio alle 10, la terza edizione del ‘Premio Internazionale di Poesia Ugo Foscolo’. Il premio è diviso in due sezioni: la sezione A che prevede lo svolgimento di una silloge di poesie inedite, almeno trentacinque, e la sezione B che prevede lo svolgimento di un gruppo di tre liriche, sempre inedite, che non devono superare, insieme, i sessanta versi. In occasione della premiazione, è previsto un intervento del Grande Oratore, Morris L. Ghezzi.